martedì 14 Luglio 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

I pericoli del web

Lezione tenuta dai Carabinieri presso la scuola Baccelli riguardo i rischi legati all’uso improprio di internet.

Il giorno 14 marzo 2017  le classi 3F, 3D e 3B si sono recate in sala professori dell’Istituto Alfredo Baccelli di Tivoli per assistere ad una lezione tenuta dai Carabinieri della Stazione di Tivoli. I temi trattati hanno riguardato principalmente le problematiche e i pericoli che possono toccare la fascia adolescenziale della società attuale.
Ad aprire il discorso è stato il maresciallo Torti, che è stato accompagnato dal collega Scupola.  L’argomento maggiormente affrontato è stato quello del sexting, che accomuna oggi sempre più giovani. Il termine si riferisce alla diffusione in rete di materiali pornografici. A rapire l’attenzione degli alunni è stata la narrazione di un fatto accaduto recentemente: una ragazza quindicenne si è mostrata disponibile ed interessata nei confronti di un cinquantenne che si spacciava per un ragazzo di 18 anni. Dopo che la vittima si è esposta fisicamente, in chat, l’uomo ha preteso maggiori attenzioni minacciando la minorenne. La vicenda comunque si è conclusa in modo positivo grazie all’ausilio dei genitori ed al coinvolgimento delle forze dell’ordine; il delinquente è stato arrestato.
Inoltre, su richiesta della Dirigente, si è parlato delle foto scattate durante l’orario scolastico. E’ severamente vietato questo tipo di gesto poichè può portare ad una denuncia e, di conseguenza, i genitori del minore devono pagare un risarcimento alla famiglia della “vittima”.
Il secondo tema discusso è stato quello del cyberbullismo. Oggi il 50% dei giovani subisce atti di bullismo in rete durante l’anno, il 20% ne è vittima quotidianamente. La maggior parte di questa percentuale riguarda le giovani ragazze che spesso scagliano offese contro altre coetanee (trucco, modo di vestire…). Questa situazione di “umiliazione” può portare le vittime anche al suicidio.
Il nostro codice penale afferma che dai diciotto anni i ragazzi possono essere ritenuti imputabili dal tribunale di reati penali; prima dei quattordici anni invece, le accuse ricadono sulla famiglia, costretta a pagare gli errori dei figli.
Le raccomandazioni ed i consigli più significativi sono stati quelli di rivolgersi sempre ad un adulto e, in caso questo non avvenga, comunque ci si può confidare con un amico fidato.
Tutti i ragazzi hanno apprezzato l’intervento dei Carabinieri; le loro parole hanno reso tutti maggiormente consapevoli nei confronti di queste problematiche. Il problema fondamentale è infatti che gli adolescenti spesso non riescono a comprendere gli effetti legati delle loro azioni, non avendo ancora acquisito un livello di maturità che li preservi da rischi e pericoli.

Infine la lezione si è conclusa con una breve spiegazione riguardante il noto Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, che si trova a Piazza del Risorgimento a Roma, in cui si racconta la storia dell’Istituzione. Il percorso del museo è reso chiaro grazie alle didascalie e agli schermi touch screen che offrono maggiori informazioni legate alle tematiche presentate. Inoltre è di notevole importanza ‘Il salone d’Onore’ dove spesso vengono ospitati turisti al fine di allietarli con le dolci note di musicisti; un altro luogo da ricordare è il Sacrario, dove è posta una statua di foggia antica che indica il sacrificio di tutti i Carabinieri caduti.

E’ possibile quindi passare una piacevole giornata in questo luogo dal quale si possono ottenere maggiori informazioni ricercando realtà che non si conoscono e che stimolano la propria curiosità.

Conti, Schicchi 3 F