venerdì 21 Febbraio 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

GITA A PERUGIA !

Il giorno 13/12/2017, le classi II F e II D dell’istituto della scuola secondaria di 1 grado- A. Baccelli si sono recate in gita a Perugia e alla fabbrica del cioccolato “Perugina” di S. Sisto.
Sono partiti più o meno alle 8:00, con il pullman, per arrivare al centro di Perugia,  dove li attendeva un bel tragitto sopra la mini metro. Una volta scesi hanno percorso un po’ di strada a piedi e sono arrivati alla piazza IV Novembre. Inizialmente hanno visitato il Palazzo dei Priori dove la  prof. di tecnica Moriconi ha fatto da guida turistica illustrando: l’architettura e la storia del Palazzo dei Priori, la Fontana Maggiore, e la meravigliosa cattedrale alle nostre spalle.

Risultati immagini per palazzo dei priori

Il Palazzo dei Priori, sede di parte del Municipio e della Galleria nazionale dell’Umbria, è stato progettato grazie a un particolare stile gotico. Sopra la porta d’ingresso ci sono due statue, una a forma di un grifone e l’altra di un leone, che sono un duplicato di quelle poste all’interno, in mostra. Nella sala principale ci sono molte sedie che sono disposte verso la cattedra del sindaco. Il soffitto è costituito da otto archi, e questi sono decorati da tantissimi piccoli affreschi.

Risultati immagini per fontana maggiore perugia foto

Al centro della piazza IV Novembre si trova una meravigliosa fontana, la “Fontana Maggiore”.  Essa, a suo tempo, fu progettata in stile gotico, tra il 1275 ed il 1278 da Nicola e Giovanni Pisano. È costituita da due vasche marmoree poligonali concentriche e decorata con 24 statuine, poste una accanto all’altra. Nella vasca inferiore sono rappresentati tutti i mesi dell’anno, mentre in quella superiore sono raffigurati, tramite le statue poste agli spigoli, santi e personaggi biblici.

 

Immagine correlataSuccessivamente i ragazzi sono entrati nella Cattedrale (in cui vi era anche un bellissimo presepe). All’ interno c’erano coloratissime vetrate che facevano entrare la giusta quantità di luce, dato che non c’erano finestre. Il soffitto era pieno di bellissimi affreschi ma ce n’erano parecchi anche dietro l’altare. La cattedrale aveva due uscite, una si affacciava sulla piazza, dove all’ingresso c’era una statua raffigurante un papa e l’altra su una scalinata.

Finito di visitare il centro storico, hanno visitato la Rocca, nella quale le professoresse hanno lasciato un quarto d’ora gli alunni per osservare i mercatini di Natale. Successivamente si sono  fermati in un parco. Dopo hanno ripreso la mini metro e siamo tornati al pullman che li ha portati alla fabbrica Perugina.  Entrati in fabbrica, una guida li ha accompagnati in una sala per guardare un video, che illustrava tutto lo svolgimento della trasformazione dalla cabossa al cioccolato. Dopo il video è arrivata un’altra guida che gli ha fatto visitare tutto il resto della fabbrica. Sono entrati, per primo, in una sala dove in diverse vetrine era racchiusa la storia del bacio perugina e degli altri cioccolatini e dolci vari. È stato spiegato che all’inizio il cioccolatino, a causa della sua caratteristica forma era stato chiamato”cazzotto”, solo in seguito per motivi di estetica e commerciali  è stato cambiato il nome in “bacio”(attualmente il bacio è considerato infatti per il suo nome il regalo degli innamorati).

Immagine correlata“UN BACIO DA RECORD PER LA CITTÀ PIÙ DOLCE DEL MONDO”

Alla fine del salone c’era una ricostruzione del bacio più grande del mondo, con 5980 chili di peso, 7 metri di circonferenza e 2,15 metri di altezza, creato dalla Perugina qualche anno fa in onore della festa del cioccolato tenutasi a Perugia. Infine, dopo aver fatto una deliziosa degustazione che partiva dal cioccolato con più cacao e arrivava a quello che ne aveva di meno, siamo entrati in un corridoio che si trovava esattamente sopra i macchinari della fabbrica, mentre i mastri cioccolatieri stavano lavorando. Quel giorno la fabbrica stava producendo uova di Pasqua e baci fondenti e altri cioccolatini di tutti i tipi.Una volta usciti le classi si sono recate al negozio- souvenir, dove erano in vendita tutti i tipi di cioccolata prodotti dalla Perugina. Più o meno alle 15:00/15:30 sono ripartiti verso Tivoli,  dove li attendevano i loro genitori.

 

 

Cannillo Flavio, Pascucci Martina 2 F