mercoledì 30 Settembre 2020

[email protected]

Scuola secondaria di 1^grado- A. Baccelli- a.s.2019/20.

Pasqua cristiana ed ebraica

La Pasqua Cristiana è la principale solennità del cristianesimo. Essa celebra la resurrezione di Gesù, avvenuta nel terzo giorno della sua morte in croce, come narrato nei Vangeli. Quella cristiana dura 7 giorni, come settimana SANTA. La data della Pasqua varia a seconda dei cicli lunari, cadendo così la domenica successiva al primo plenilunio di primavera, segnando anche la cadenza e i tempi liturgici, come la Pentecoste e la Quaresima. La Pasqua cristiana presenta poi importanti legami, ma anche significative differenze con la Pasqua Ebraica (PESACH). Essa è una festività che dura ben 8 giorni e che ricorda la liberazione del popolo ebraico dall’Egitto. Era in origine legata all’attività agricola, ed era la festa della raccolta dei primissimi frutti della campagna, a cominciare dal frumento. I cibi sacri in quel giorno sono cinque: le erbe amare, simbolo dell’amarezza della schiavitù, l’uovo, simbolo della vita, l’agnello, il cui sangue salvò i primogeniti degli ebrei, la salsa charoset, ricorda la malta per ottenere i mattoni per le costruzioni, e il pane azzimo, perché era veloce da fare, non avendo la lievitazione. Infatti, prima dell’inizio della festività, gli ebrei eliminano da casa ogni minima traccia di lievito e qualsiasi cibo che ne contenga.

Rossi Gabriele, Rugolo Leonardo, Scarabbattieri Davide, Troiani Sophia, classe 2B