martedì 31 Marzo 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

GITA A ORTE: SBANDIERATORI DELLE SETTE CONTRADE

Il giorno 30 aprile, io e la mia classe, siamo andati in gita ad Orte. Abbiamo visto molti luoghi e incontrato molti personaggi, ma l’evento che mi è piaciuto di più è stata l’esibizione degli Sbandieratori delle Sette Contrade.
Gli Sbandieratori delle Sette Contrade, ripongono a distanza di secoli, gli antichi giochi della bandiera ai quali partecipavano i giovani Ortani che prendevano esempio da una copiosa documentazione, che uno storico locale del 1500 ci ha lasciato.  Il Gruppo Sbandieratori delle Sette Contrade fu fondato con lo scopo di custodire il patrimonio di tradizioni di una cittadina che sorge al confine tra l’alto Lazio e l’Umbria e rievocare nel senso più ampio, uno dei costumi di vita medievale della nobile città di Orte.       
Di origine antichissima, (Orte è infatti la “Horta” citata da Plinio) dopo essere stata una delle più importanti Città Etrusche, divenne Municipio Romano nel periodo Imperiale. La Città di Orte raggiunse il suo massimo splendore tra il XII ed il XIV secolo. È proprio in questo periodo che si trovano, sempre con maggior frequenza citati, i “Banderari”. Il gioco con la bandiera, che può essere individuale o di gruppo, trae le sue origini nel XIII sec. quando in tutta Europa la bandiera veniva usata dagli alfieri delle compagnie militari per segnalazioni o in occasioni di festeggiamenti, di vittorie o di eventi particolari l’alfiere effettuava evoluzioni roteando e lanciando in aria ila gonfalone. Le bandiere, che secondo le definizioni del vocabolo, sono stoffe colorate legate ad un’asta.  
Il Gruppo Sbandieratori delle Sette Contrade, sorto nel 1972, è stato riconosciuto dalle Federazioni Nazionali e Internazionali degli Antichi Giochi della Bandiera, ha partecipato ai maggiori festival del folklore europei; in diverse occasioni gli esercizi tradizionali hanno ottenuto ottimi piazzamenti e riconoscimenti negli annuali Campionati italiani.

Giulia Innocenzi classe 1C