mercoledì 30 Settembre 2020

[email protected]

Scuola secondaria di 1^grado- A. Baccelli- a.s.2019/20.

Wall-E (World habitat day 2019)

Non possiamo permetterci di non fare niente per il nostro pianeta, perché è proprio questo che abbiamo fatto per tutto il tempo, niente, Auto, niente!

Il 7 Ottobre è la giornata mondiale dell’habitat, stabilita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il suo obiettivo è riflettere sullo stato delle nostre città e dei nostri paesi e sul diritto di tutti a vivere in un’abitazione sicura e adeguata. Ogni anno le Nazioni Unite scelgono un tema per la giornata basandosi su tematiche di attualità. I temi proposti per quel giorno promuovono la necessità di ambienti sicuri e sani, e di servizi adeguati soprattutto ai bambini, giovani, donne, anziani e disabili.

A questo proposito vi illustreremo il film Wall-e che vuole trasmettere un messaggio molto importante sulla salvaguardia del mondo. E’ un avvertimento alle generazioni future e fa capire che se il cambiamento non inizia da ora, sarà troppo tardi. Il film è stato scelto dalla nostra scuola per introdurci in questa discussione così delicata. Ognuno di noi si deve impegnare al massimo, perché è dalle piccole cose che nascono grandi cambiamenti. Il regista di questo film è Andrew Christopher Stanton, divenuto famoso grazie a varie collaborazioni con la Pixar. Wall-e si aggiudicò il premio Oscar per il miglior film d’animazione. Questa pellicola fu prodotta da Jim Morris, direttore e presidente della Pixar. Il film è ambientato nel 2815, tutti gli esseri umani vivono in una navicella spaziale, Axiom. Sulla Terra è rimasto un solo robot che per 700 anni ha svolto il lavoro di pulizia della Terra. La sua routine viene interrotta dall’arrivo di una robottina di nome Eve, mandata sulla Terra per cercare nuovi segni di vita. Wall-e si innamora di lei e le mostra una piantina che era cresciuta spontanemante in uno stivale. Eve, vedendo questa nuova forma di vita, fa ritorno alla Axiom e Wall-e la segue. Arrivati sull’Axiom, Eve fa di tutto per consegnare la piantina al capitano B McCre, ma viene fermata da un altro robot che non voleva mostrarla al capitano per paura di dover tornare a vivere sulla Terra. Dopo varie discussioni, Wall-e e Eve riescono a dimostrare a tutti che il Pianeta è ancora vivo. Così la Terra tornò ad essere verde e popolata e Wall-e e Eve cominciarono a vivere insieme il loro grande amore. A nostro parere le scene significative sono state: 1. Quando Wall-e, in mezzo ai rifiuti trova l’unica forma di vita e la conserva. 2. Quando mostra la piantina ad Eve, lei la incorpora dentro di sé e per un periodo la robottina non reagisce e Wall-e cerca di risvegliarla, ma non è presente nessun segno di vita così lui cerca di proteggerla da tutto. 3. Quando lei si sveglia, riesce a vedere, grazie alla sua telecamera di riserva quello che Wall-e ha fatto per lei quando non era cosciente. 4. Il robot Wall-e, dopo che gli hanno tolto la scheda madre, non si ricorda più nulla, quindi Eve avendo paura di perderlo lo abbraccia come è successo nel film che WAll-e le ha mostrato. 5. Quando gli uomini e le donne si alzano dalle sedie che li trasportavano ovunque. Loro, alzandosi, hanno dimostrato che tenevano alla Terra.

Nel film si vedono sotto la luce ironica i temi dell’inquinamento portato all’esasperazione. Ha una vena malinconica, a partire dal robottino che vive da solo sulla Terra, e si innamora di Eve, facendo di tutto per proteggerla. Wall-e è commovente, profondo e allo stesso tempo divertente. E’ molto più espressivo di attori in carne e ossa. In conclusione crediamo che il finale sia leggermente scontato, magari una conclusione più inaspettata, come la scoperta di un nuovo mondo, sarebbe stata più particolare. Questo film d’animazione è adatto a tutte le fasce d’età: dai giovani ai più anziani. Consigliamo a tutti la visione.

Le frasi che sono rimaste nei nostri pensieri sono: “Io non voglio sopravvivere, io voglio vivere!” . “Laggiù c’è casa nostra! E’ in difficoltà e non posso stare qui seduto a non fare niente come ho sempre fatto.”

Bimed/ video testimonianza – “L’uomo distrugge la terra”

https://drive.google.com/file/d/1hg1prVyCJqFmKXDGdc6QQ4QARXp58DEi/view?usp=sharing

Sara Mancini e Claudia Vecchietti 3F

ECCO I LAVORI DELLA NOSTRA SCUOLA!

3F Plince Elisabette N
classe 3F Carrocci Giulia, Tirelli Alessia
classe 3F Giorgione Gloria, Mancini Sara
classe 3F Iammancini India, Rossi Ludovica
classe 3F
classe 3F Mancini Chiara, Origlia Francesca
Classe 3F Carioli Angelica, Vecchietti Claudia
Classe 3F Bruschi Beatrice, Pacifici Iris
Classe 2C
classe 2A
classe 2A
classe 1F
classe1F
Classe 1D

Mancini Sara, Carioli Angelica, Vecchietti Claudia, 3F