venerdì 21 Febbraio 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

Sicurezza in strada

I vigili incontrano gli alunni della scuola secondaria di 1 grado

In seguito al “Progetto seicurezza” il giorno 22 Marzo 2017 le classi di scuola secondaria di 1 grado hanno partecipato a una lezione tenuta da un vigile del comando di Tivoli riguardo l’uso degli stupefacenti e la guida dei mezzi di trasporto, come i motorini. La lezione consisteva nel proiettare agli alunni otto cortometraggi, relativi a  fatti realmente accaduti che avevano come protagonisti dei ragazzi, per poi commentarne l’insegnamento.

Correre contro
Il primo cortometraggio presenta alcuni ragazzi che si recavano a casa di un loro caro amico. Il loro scopo era quello di assumere sostanze stupefacenti che il compagno aveva nascosto. Poco dopo decidono incoscientemente di fare una gara in motorino, ma un ragazzo pensando di essere più furbo prende una scorciatoia e ad un certo punto una macchina gli viene incontro e muore schiantato. Giovanni 2005
La legge 187 vieta l’utilizzo della droga per i vasti danni che può causare.

 Sogni interrotti

Nel secondo cortometraggio una ragazza si reca dal parrucchiere per una nuova acconciatura, ma quando esce mentre sale sul motorino pensa che mettendosi il casco la sua pettinatura si sarebbe rovinata, quindi decise di non metterlo. Mentre attraversa una piazza con una fontana ripensa ai bei momenti trascorsi in quel luogo con il suo ex ragazzo e quindi frastornata da questo pensiero non si accorge che alla sua destra c’è un cono per i lavori stradali,  lei cade e una macchina non vede la ragazza caduta per la strada e la travolge, muore sul colpo. Martina 2005
La legge 171 vieta il non utilizzo del casco sul motorino. Il vigile ha aggiunto che se una persona viene fermata senza casco, avviene il sequestro del mezzo per diversi giorni, se non mesi.

Sottovalutare i mezzi

Il terzo cortometraggio ha come protagonista un ragazzo che ha la passione per la chitarra. Doveva andare a un provino e la sua amica gli ha regalato un portafortuna. Il ragazzo, prima di partire, decide si recarsi a riparare il suo motorino perché aveva un problema alle ruote. Il meccanico mentre svolge il lavoro gli comunica di aver  notato un’anomalia ai freni, il ragazzo non aveva tempo e ha lasciato stare, ma durante il tragitto non è riuscito a frenare e si è scontrato con una macchina. Paolo 2005

Il volo

Una ragazza bravissima nel nuoto, viene iscritta al campionato italiano di nuoto. Durante le prove del suo allenamento, il coach le dice che è riuscita a superare il record del campionato. Sfida un suo amico e riesce comunque a vincere. Ritorna a casa con il suo amico,  ma nota che il motorino aveva le ruote lisce e le chiede di andare con lui in macchina, ma lei rifiuta. Mentre ritorna a casa fa un incidente che le impedisce di partecipare. Con le stampelle va nel luogo in cui si allenava ma inciampò e morì. Ilena 2005
Il vigile ha aggiunto che la legge vieta anche che i mezzi non possono essere utilizzati se le ruote hanno una certa quantità di usura.


Mio padre
Un padre rimprovera suo figlio perché il giorno prima aveva dimenticato il casco a casa di un suo amico, ma il ragazzo doveva uscire e quindi il padre gli ha prestato il suo casco. Il  padre pensava che non sarebbe successo niente e perciò va in giro senza casco, all’improvviso fa un incidente e muore sul colpo.
La legge obbliga l’utilizzo del casco.

 

 Dimmi perché:

Un ragazzo sul motorino si trova in giro ma non si ferma ad uno stop obbligatorio e fa un incidente. Sogna che nel paradiso un uomo di nome Caronte fa delle domande alle persone, specialmente a lui, per donargli un’altra possibilità. Dice che ha fatto un incidente perché non stava passando nessuno e quindi non serviva fermarsi. Dopo ciò Caronte gli ha dato un’altra possibilità. Un ragazzo di 17 anni aveva fumato della droga e andava in motorino.
Il ragazzo aveva trovato un elmetto da guerra che usò al posto del casco. Fa un incidente ma colpisce soprattutto la testa. Sogna che Caronte gli offre un altra possibilità.         

 

  Il missile
L’ultimo cortometraggio raccontava di un ragazzo morto a causa di un suo amico che l’aveva messo sulla cattiva strada: la prima volta un amico lo aveva convinto a correre con lui sul motorino ad alta velocità; una seconda volta entrano in un bar ma non pagano il conto pensando che tra il caos della festa non se ne sarebbe accorto nessuno; l’ultima volta il protagonista con un suo amico corrono di nuovo ad alta velocità sul motorino, per arrivare in tempo in palestra. Ad un certo punto vedono passare la polizia e per non farsi multare, sventolano un fazzoletto bianco fingendo di stare male. Infine a causa dell’elevata velocità il protagonista cade dal motorino e muore.

 

Questo incontro è stato molto importante e formativo soprattutto per i ragazzi che tra qualche anno affronteranno la strada con un motorino o un’automobile. I cortometraggi mostrati erano molto profondi, con immagini forti e significative, così i ragazzi non li avrebbero più dimenticati.  Lo scopo ultimo di questa lezione è stato quello di indurre i ragazzi ad essere più prudenti e consapevoli dei rischi  che si incontrano se non si rispettano le leggi stradali.

Amodio, Marino 3F