venerdì 21 Febbraio 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

“ Nessun parli….”Musica e arte oltre la parola

Manifestazione organizzata dal Miur e dal Comitato Nazionale per la Musica

Stiamo entrando nella scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Baccelli. Sono le 14. Ci sono molti genitori e alunni perché oggi 21 novembre la nostra scuola, insieme a 1350 scuole italiane, ha aderito alla manifestazione organizzata dal Miur e dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica intitolata “Nessun parli…” – Un giorno di scuola: musica e arte oltre la parola. Sono presenti  ragazzi dei corsi A, E, F e alcuni che frequentano scuole musicali private di Tivoli.
La manifestazione si apre con l’esibizione di un brava violinista, Margherita Servadio, frequentante la scuola musicale privata CDM, Centro Diffusione Musica. A seguire, la prima parte dell’evento inizia alle 15 e vede coinvolti  alunni che frequentano la sezione F della scuola secondaria di primo grado: i chitarristi Beatrice Bruschi, Giulia Bimonte, Alessandro Sacucci e Lorenzo Rossi; i pianisti Giovanni Bianconi, Lara Martone, Gabriele Di Pirro, Denise Denise, Alessia Pili, Ludovica Marchili e Federico Pucella; i flautisti Martina Pascucci e Mario Virtej; infine i violinisti Davide Servadio e Tommaso Bitocchi si esibiscono  in un duetto con la prof.ssa Lattanzi nella “ La marcia dei Persiani.
Segue una breve pausa, durante la quale si può fare un giro per la sala, dove sono esposti i lavori eseguiti con la prof.ssa di Arte Panzini Antonella. Alle 17 inizia la seconda parte della manifestazione che ha come protagonisti gli ex alunni del corso F, i quali ora frequentano il Conservatorio o sono già diplomati. Tutti questi ragazzi dimostrano che si può  continuare lo studio dello strumento anche oltre i tre anni  della scuola media. Presentiamoli: Jacopo Pecchi, un pianista molto bravo e particolare, che  suona senza spartito molto velocemente, Riccardo Pastori, che esegue con il violino un brano accompagnato dalla prof.ssa Biagini, infine Paola Gizzi. Poi è il turno di  Adriano Mozzetta, cui fanno seguito Chiara e Marco, flautista  e chitarrista in duetto e Laura Malagesi, una violinista. A questo punto interviene una eccellente violinista accompagnata al pianoforte dalla prof.ssa Biagini: ha iniziato a suonare da bimba  e la chiamavano “La marcia dei soldatini”, perché quando si esibiva muoveva la gambina su  e giù, battendo il tempo. Concludono la manifestazione due ragazzi della terza F dell’anno passato, il pianista Damiano Pecchi e il violinista Filippo Pascucci,  che suonano un pezzo di Mozart. Il pomeriggio si conclude con un duetto: Annalisa, flautista, e Giordano, chitarrista, che esegue un pezzo composto da  lui a Firenze, dove – come lui racconta – ha ricevuto i complimenti da un ragazzo di undici anni che, dopo averlo ascoltato, ha deciso di studiare anche lui la chitarra. Giordano spera che anche oggi qualcuno tra gli spettatori abbia un colpo di fulmine. Alle 18 termina ufficialmente il concerto e i genitori hanno ancora qualche minuto per ammirare le opere, portando con loro le emozioni provate durante il concerto e le foto di tutti i lavori.

Infatti stessa sala dove abbiamo ascoltato le esibizioni, sono stati posizionati tutti i lavori svolti dai ragazzi su indicazione della prof.ssa Panzini, insegnante di Arte.  I lavori sono tutti molto creativi ed originali,  perché realizzati con materiali riciclati come cartone, legno, tempera, colla ecc. Interpretano tutti, con un po’ di inventiva, il mondo della musica e della comunicazione non verbale.                                                 
La manifestazione di oggi è stata informale, come se fosse una rimpatriata tra amici. Il clima era molto allegro: i ragazzi scherzavano fra loro, ma anche gli insegnanti erano particolarmente giocosi ed hanno raccontato aneddoti divertentissimi che riguardavano i presenti. L’entusiasmo era alle stelle ed i protagonisti della manifestazione hanno trasmesso non solo l’ amore per la musica, ma anche la gioia che si prova nel fare la musica tutti insieme . Quest’evento, quindi, non è servito  solo ad ascoltare musica o a dimostrare quale alto livello si possa raggiungere frequentando i tre anni in questa scuola , ma sopratutto ci ha insegnato che ”respirare musica” fa bene al cuore.

 

Pacifici Iris 1 F,
Bitocchi Tommaso e Rossi Lorenzo 3F