martedì 31 Marzo 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

Differenziamo i rifiuti!

La raccolta differenziata dei rifiuti è partita anche nella nostra scuola

 

Il giorno 5 Aprile 2018 la classe 1°C si è recata in sala professori per il progetto ASA sulla raccolta differenziata a Tivoli. Il Comune di Tivoli e l’ASA hanno avviato in tutta Tivoli, e quindi anche nella nostra scuola, il servizio di raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti, che rappresenta un enorme vantaggio per la città. L’ASA prenderà questi rifiuti raccolti separatamente dai cittadini giornalmente secondo un calendario stabilito.

La raccolta differenziata consiste nella separazione dei seguenti materiali:

  • carta e tetrapak (che sono i contenitori dei succhi di frutta)
  • plastica e metallo
  • secco non riciclabile (per esempio penne a sfera, pennarelli, matite temperate, giocattoli ecc.)
  • umido (resti di cibo, ecc.)

Sono stati proiettati alcuni video di cui uno sulla raccolta della plastica e del metallo ci ha molto interessato.

Inoltre altri video ci hanno spiegato che cosa si può produrre con i materiali riciclati.

Con la plastica riciclata si possono produrre ad esempio lampade, cestini, bottiglie, panchine, ecc. Anche con il metallo si possono produrre molti oggetti: ad esempio con 800 lattine si può fabbricare una bicicletta. I resti di cibo e piante, messi in una compostiera per tre mesi, si possono usare come fertilizzante naturale.

Quindi i rifiuti prodotti da qualcuno possono diventare risorse per qualcun altro.

Si è parlato inoltre della biodegradazione che è il tempo che serve all’oggetto per essere assorbito dalla natura.

Alcuni oggetti hanno bisogno di molto tempo per biodegradarsi:

  • una lattina impiega 100 anni
  • un cartone impiega 3 mesi
  • una mela impiega 3 mesi e 15 giorni
  • una bottiglia di vetro impiega 4000 anni
  • un bicchiere di plastica impiega 100 anni
  • una gomma da masticare impiega 1 anno

Oggi le buste dei supermercati sono fabbricate con plastica biodegradabile quindi ci mettono molto meno tempo ad essere assorbite dalla natura.

E’ molto importante inoltre avere buone abitudini per il riuso degli oggetti che non ci servono più. Ad esempio per non sprecare cibo nei ristoranti esistono delle buste con scritto “porta a casa”; i clienti potranno richiedere queste buste per portare il cibo a casa. Invece nelle pizzerie si possono chiedere dei cartoni per l’asporto delle pizze riutilizzabili più volte.

Esiste inoltre un’app “Junker” che ci permette di capire dove vanno buttati i rifiuti utilizzando semplicemente il nostro telefonino.

Nella nostra classe avremo da oggi in poi tre contenitori diversi per gettare i rifiuti: plastica e metallo, carta e secco non riciclabile; la raccolta dell’umido verrà fatta fuori dalla classe in appositi raccoglitori. Dobbiamo contribuire tutti per fare in modo che la raccolta differenziata diventi una abitudine di vita.

Cadonici Marie e Foresi Benedetta