martedì 31 Marzo 2020

[email protected]

Tivoli II- Tivoli centro“- A. Baccelli”- a.s.2019/2020

Lo spirito del Natale

Ogni alunno ha cercato di catturare lo spirito del Natale

da Bucciarelli Edoardo 2F

Ho deciso di inserire questa foto, perché tutti a Natale devono essere felici, nonostante il colore della pelle o la condizione sociale. Dio ci ha insegnato a condividere, e per me, il Natale, è il giorno in cui si deve applicare ciò che ci ha insegnato. Nella foto è rappresentata una persona vestita da Babbo Natale, che dà del cibo ai senzatetto.


da Ricci Luna 2A

La foto presenta il bellissimo presepe di sabbia collocato nella chiesa di S. Pietro, città del Vaticano. Il presepe è una scultura realizzata con la sabbia di Jesolo, questa sabbia era giusta per essere scolpita . Il presepe era molto grande si sviluppa su una superficie di 25 metri, con una lunghezza di 16 cm. Alla sua realizzazione hanno contribuito diversi artisti. Il presepe rappresenta tutta la sacra famiglia. Mi è piaciuto molto perchè lo trovato molto innovativo, e di sera il tutto è più suggestivo.

da Tombolini 2F
Carro dei Re Magi in Spagna

Il Natale per me è l’unione di due tradizioni, quella italiana che comprende l’arrivo di Babbo Natale, e quella spagnola, come l’arrivo dei Re Magi che sfilano per le strade il 5 Gennaio nel tardo pomeriggio, lanciando caramelle dai loro carri, come si può vedere in questa foto. Ero con gran parte della mia famiglia in quell’ evento tanto atteso, Ecco !! I Re Magi! Quando sono uscito di casa ho visto un gruppo di gente che urlava il loro nome, io entusiasta ed emozionato mi buttai tra la folla per seguire il loro coro. Vidi tre individui seduti su tre carri diversi, ma per quanto ero emozionato ho impiegato  un po’ di tempo per riconoscerli; e quando arrivò quel momento avevano cominciato a lanciare decine di caramelle. Per vedere meglio mi girai e chiesi a mia madre di mettermi sulle spalle, perché ero piccolo e non vedevo molto bene, mentre mi tirava su vidi arrivare su di me una quantità di caramelle spropositata. E da quel momento in poi ogni volta che vado in Spagna rimango dentro casa, per paura che mi arrivi un’altra di quelle cascata di caramelle in testa. Invece durante il Natale in Italia il ricordo più bello, è la figura vestita di rosso, con una lunga barba bianca di Babbo Natale, che con la sua sua solita espressione: oh-oh-oh, rende felici piccoli e grandi.
La mia visione del Natale perfetto è l’unione di due tradizione diverse ma che messe insieme creano una atmosfera idilliaca.

a Edoardo Stella 2A
Presepe di casa

Ogni anno io e la mia famiglia facciamo questo presepe per le feste di Natale. Secondo me è molto bello per le sue forti luci colorate che illuminano la stanza… Il panorama è completamente artificiale, ma la neve (finta), e i personaggi danno un senso di realisticità.

Giampaolo 2A

Davanti alla chiesa “Del Gesù”, è presente questo albero di 6 metri circa. Quest’ultimo è illuminato solo la sera come la chiesa in cui è situato. le due “strutture” illuminano interamente tutto il quartiere, liberando in zona la gioia e felicità, che si può provare solo nel periodo natalizio.

da Marini Lorenzo
Il Natale a Salerno

Questa foto rappresenta una delle opere più straordinarie (secondo me) delle luminarie di Salerno, essendo una delle più grandi e significative della mostra; mi ha fortemente colpito per la sua forte e colorata luce. La città era completamente illuminata. Ogni singolo angolo risplendeva. Il mare magnificamente calmo, rispecchiava i vivaci colori, dipingendo l’orizzonte… A mio parere il Natale è racchiuso in questa singola foto, perchè esprime gioia e felicità.

da Guglielmo Sara 2A

Questa è una stella che rappresenta l’arrivo dei Re Magi verso Gesù. Infatti,questa è posta sopra il presepe vivente svolto il 6 gennaio. Questa stella è ricoperta da luci celesti, si trova a Roma. E’ posto dentro una gioielleria chiusa da poco. Invece la stella è retta da un filo attaccato al negozio.

da Origlia Francesca 2F

Questa foto rappresenta le luci della città di Tivoli durante il periodo natalizio, secondo me le luci sono uno degli elementi che rappresentano al meglio il Natale, per questo motivo ho scelto questa foto.

 

da Assisi 2F
Natale a Gubbio

Questa foto rappresenta il famoso “Albero illuminato” di Gubbio, una meravigliosa città che durante le feste Natalizie viene addobbata con questo albero. Sono moltissime luci che si trovano sulla montagna vicino alla città che, da una certa distanza, si può osservare meglio.

Da Pacifici Iris 2F

Questa foto rappresenta un angolo di presepe collocato nella Chiesa di San Biagio. A Tivoli . È stato realizzato dai cittadini tiburtini di grande talento . Questa chiesa e’ molto arricchita da particolari, infatti ogni anno , nel periodo natalizio, viene allestita da un bellissimo presepe molto suggestivo e con dei particolari unici.. Questa fotografia ha catturato ciò che mi ha colpito molto, perché il bambinello non si trova in una stalla, ma in una conchiglia gigante, e mi da’ anche una sensazione di maggior protezione. Poi un altro particolare che mi ha colpito, è stata la luce calda , che presenta un’atmosfera molto suggestiva, insieme all’intero paesaggio del presepe. Un opera così rende tutto più magico!

da Bruschi Beatrice 2F

Il mio Natale è stato molto bello. Quest’anno ho aiutato anche a cucinare e a sistemare la tavola. Il risultato finale è questa foto, ne vado super fiera soprattutto perché i portatovaglioli e il centrotavola li ho realizzati io: i portatovaglioli erano fatti di pannolence rosso sul quale avevo attaccato degli angioletti di ceramica che avevo fatto un po’ di tempo fa e per finire ho legato il tutto con un nastro su cui abbiamo messo anche il cartoncino dove c’era scritto il nome degli invitati. Il centro tavola invece era composto da sei candele e bacche rosse messe su un piatto dorato. Appena sono arrivati i miei parenti mi hanno fatto i complimenti. Poi ci siamo messi a tavola per gustare le delizie che aveva preparato il mio papà con un po’ del mio aiuto.

da Rinaldi 2F
Natale a Gaeta

Questa foto mi ricorda il Natale: ero a Gaeta, un sabato di dicembre e io con la mia famiglia siamo andati a vedere le luminarie. Tutte le strade erano decorate e illuminate, c’erano tante strutture diverse come una casa completamente illuminata, un gorilla grandissimo, un orso pasticcere, un trenino, una conchiglia gigante. Ma la più bella per me è stata questa, un polpo gigante tutto illuminato e decorato con pacchi e palline che ricorda proprio lo spirito natalizio. È fatto completamente da luci che messe insieme formano una struttura grandissima come questa. Quella per me è stata una giornata davvero indimenticabile.

da Marta Giordano 2F

Ho scelto questa foto perché da quando sono nato a Natale mio nonno ha sempre fatto dei presepi bellissimi, con case tette costruite a mano da lui e con fontane e ruscelli con acqua vera, ha anche vinto il primo premio ad una gara di presepi, tiburtini .Da quando lui non c’è più anche noi abbiamo iniziato a fare il presepe, con delle case fatte da lui, in questo modo lo sentiamo più vicino a noi, perché in fondo per me il vero senso del Natale è stare con le persone a cui vuoi bene.

Alessia Paciarelli
Il presepe in tv

Questo presepe si trovava in una cantina al centro di Collalto Sabino, un piccolo paese in abbruzzo, nella cantina si trovavano una serie di presepi e questo è quello che mi ha colpito di più, perchè, il signore che lo ha creato ci ha raccontato che mentre guardava la televisione stavano trasmettendo alcune immagini di presepi ,quindi gli venne in mente di prendere una vecchia televisione e farci il presepe all’interno.

da Vecchietti Claudia 2 F

L’immagine scelta da me potrà sembrare semplice e banale, ma ha un significato molto importante. L’albero natalizio con le palline e le luci è il classico simbolo del Natale, quello che tutti osservano ogni anno, ma la vera domanda è: quante persone si fermano davvero ad osservarlo e a pensare al suo significato più profondo? A me viene in mente la famiglia. Le mattine dell’otto dicembre passate a decorare l’albero, il presepe e ad abbellire la casa. È come se tutti gli anni lui ci guardasse festeggiare il Natale, assorbendo tutti i momenti più belli. Chissà quanti ricordi sono contenuti nell’abete che ognuno di noi ha in casa a dicembre. A volte anche una cosa che sembra banale può contenere significati profondi e particolari.

da Sara Palma 2F
Natale a Tivoli

Questa foto è stata scattata la notte di Natale nella chiesa San Michele Arcangelo, Tivoli, sono rappresentati Giuseppe che fa la guardia a Maria, Maria gioisce perché è nato suo figlio, che è anche il figlio di Dio, e Gesù che con le sue mani il suo sguardo dolce e rassicurante ci benedice tutti. Vicino la culla c’è un angelo che suona in memoria di Gesù e ci annuncia che il Salvatore dell’umanità è nato e che dobbiamo gioire tutti e non racchiuderci in noi stessi ma aprire il cuore per far entrare il bambino Divino nel nostro cuore. Tutte le pergamene, “fuori” dalla culla dove dolcemente viene depositato da Maria sua madre, sono tutte le profezie che hanno raccontato sul bambinello e che si sono avverate tutte, neanche una è stata dimenticata dal bambinello nel momento in cui nasce e nel momento in cui muore. Poi non sono rappresentati nella seguente foto ma ci sono anche dei pastori che pur essendo i più disprezzati dalla società sono i primi a vedere il salvatore in quella notte santa e questo perché i cuori più umili attende il Signore non quelli già pieni che non hanno più spazio nel loro cuore per una cosa più importante di tutte quelle che già hanno ma i cuori umili sono quelli che hanno più spazio e quindi hanno spazio per le cose veramente importanti e non a quelle inutili, per questo sono i primi a vedere il Signore per primi. Tutto questo viene detto la notte del Santo Natale quando il Cristo Signore si fa carne nascendo da Maria Vergine e da Giuseppe suo padre adottivo, l’angelo che lo deve annunciare a tutti.

da Carrocci Giulia

La foto è state scattata la notte prima di Natale 2018 nel giardino di rose e tulipani rosa esterno della Villa d’Este, Tivoli. Sono rappresentati Giuseppe e Maria che sono in attese dell’arrivo di Gesù in una grotta illuminata da luci bianche e lucenti. Essi sono rivolti proprio verso la sua culla fatta di fieno e come materasso viene usata la paglia. Accanto a Maria c’è l’asinello grigio con delle orecchie alte e lunghe. Il bue divide Giuseppe e Maria ed ha corna bianche e corte, un muso nero diverso del suo colore naturale del pelo marrone. Davanti alla grotta ci sono due persone, una donna è un uomo, che aspettano con ansia insieme a Giuseppe e Maria l’arrivo di Gesù per tutta la notte.

da Scurti Filippo 2F

La foto scattato a Roma, in piazza di Spagna, rappresenta l’albero offerto a Roma da Netflix, precisamente il giorno della sua inaugurazione ovvero il 23 dicembre 2018 di sera circa alle 8:00.

da Gattai Gabriele 2F
Piramide di sabbia

Sand Nativity, donata a papa Francesco da Jesolo, con sabbia originaria delle Dolomiti. La scultura ritrae la Sacra Natività:  Gesù Bambino, avvolto in fasce nella mangiatoia, è collocato al centro della scultura, quasi, a voler maggiormente testimoniare, il vero e autentico senso del Natale: la nascita di Gesù. Maria e Giuseppe ai suoi  lati; un angelo posizionato sopra di loro. Sul lato destro troviamo i re Magi, sul lato sinistro i pastori, il bue e l’asinello. Una vera e propria opera d’arte che è divenuta una dei maggiori interessi del Natale  e rappresenta la testimonianza di un ritorno alle origini dello spirito del Natale momento in cui si celebra la nascita di Gesù a Betlemme.

da Carioli Angelica 2F

Questa foto, rappresenta un presepe, che è il simbolo principale del Natale. Per la chiesa, la nascita di Gesù, è: l’avvenimento principale del Natale, che si perde però troppo spesso, nella ricerca di cose più materiali, allegoriche. Questo, è il simbolo principale della Chiesa, perché il giorno di Natale, c’è la nascita di Gesù. Ho deciso di fotografare questo, (che è stato abbellito nella chiesa di Sant’Andrea) perché mi sembrava molto grazioso e piacevole. Nel farlo ci è voluto molto impegno, e voglia di portarlo a termine

Paeseggio innevato
Giorgione Gloria

Per me spirito natalizio significa montagna, giochi in famiglia e addobbi. La montagna è il luogo ideale dove trascorrere le proprie vacanze natalizie. La cosa più bella è svegliarsi la mattina, aprire la finestra e vedere gli alberi carichi di neve, i riflessi del sole sulla neve soffice ed il silenzio. A Natale tutti siamo più sereni. Nei giorni di festa , quando ci riuniamo per festeggiare e giocare, sono tanto felice. Inoltre è una delle occasioni migliori per incontrare i miei cugini e raccontarci le nostre novità. Quando giochiamo a tombola mi diverte ascoltare le battute di mio papà ad ogni numero che pesca e poi le grida di chi vince quei pochi soldi che sono sul tavolo. La tavola è stracolma di cose buone da mangiare e noi approfittiamo del Natale per gustarci l’amatissimo pandoro che somiglia ad una montagna innevata. Che bella la casa addobbata , con l’albero e le lucine che brillano. Tutto assume un aspetto caldo ed accogliente. Ogni mattino conto i regali sotto l’albero , curiosando per capire quali siano i miei e cosa potrebbero contenere i pacchi. La forma ed il peso, il colore della carta e i biglietti d’auguri. Sono terribilmente curiosa! Natale vuol dire vacanze, tanto tempo libero per me da trascorrere come voglio. Passeggiare con la mia cagnolina Jeanie per le vie del corso scegliendo regali per le persone che amo, giocare senza togliere tempo allo studio o allo sport ed incontrare le mie amiche . Ora che il Natale è passato non resta che aspettare un anno per tornare a festeggiare.

Bernardini Edoardo
Natale a Francavilla marittima (Calabria)

Un grande albero di Natale si è acceso anche quest’anno ai piedi del castello di Francavilla marittima in Calabria. L’albero alto 100 metri e largo 40 è stato acceso la vigilia dell’Immacolata Concezione in contemporanea a quello di Gubbio in una sorta di gemellaggio spirituale. Oltre ad illuminare le feste natalizie degli abitanti del borgo calabrese, il maestoso albero si è fatto notare dai viaggiatori e dai turisti di passaggio sull’autostrada del Mediterraneo. Il rito si rinnova in Calabria dal 1994. Quest’anno l’11 di dicembre i due sindaci di Francavilla marittima e di Gubbio si sono incontrati insieme ai loro alberi. Il sindaco eugubino ha voluto proprio essere presente sotto le luminarie del figlioccio del suo albero. La città umbra vanta l’alb di Natale più grande al mondo con capolavoro di luci che raffigurano un albero di 650 metri nella montagna.La sua installazione risale al 1981 ed è visitata di migliaia di turisti l’anno.